Edizione n° 5172

BALLON D'ESSAI

BASTA // Ha stancato. Sgarbi al Maxxi fra volgarità e parolacce
1 Luglio 2023 - ore  22:04

CALEMBOUR

E' FINITA? // Barbara D’Urso lascia Pomeriggio 5, finisce un’era
1 Luglio 2023 - ore  22:15
/ Edizione n° 5172

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

L'etica nella filiera del pomodoro, il forum di Princes

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
22 Maggio 2018
Foggia // Manfredonia //

Princes, gruppo leader nel settore alimentare a livello internazionale, ha organizzato un forum per incoraggiare la filiera del pomodoro a ridefinire i propri standard etici. Coltivatori, rivenditori e organizzazioni come l’Ethical trading initiative hanno partecipato all’evento presso il Regio Hotel Manfredi di Manfredonia (Foggia). Princes ha voluto che la conferenza fosse un’opportunità per incoraggiare la collaborazione tra tutte le parti per affrontare insieme le criticità che il settore sta fronteggiando.
Gianmarco Laviola, amministratore delegato di Princes in Italia ha dichiarato: “Da molti anni perseguiamo attivamente e incoraggiamo la sostenibilità sociale nella filiera del pomodoro, e sollecitiamo tutti gli stakeholder della filiera europea ad approfondire la comprensione delle problematiche del lavoro nell’agricoltura italiana”.
“Questo evento è stato organizzato per sottolineare come ogni protagonista della filiera – che sia un rivenditore, trasformatore o agricoltore – abbia la capacità di generare cambiamenti positivi e assicurare un futuro sostenibile sul lungo periodo per l’intero settore. Inoltre, è importante che i nostri coltivatori sappiano che li supportiamo pienamente e che faremo tutto il possibile, con le istituzioni competenti, per creare le condizioni che rendano la manodopera etica una pratica consolidata”.
“Grazie a una discussione aperta e trasparente di queste problematiche, affrontata con un gruppo diversificato di parti in causa, possiamo identificare più facilmente le aree in cui i soggetti della filiera possano collaborare e possiamo valutare come apportare miglioramenti che aiutino i coltivatori e anche i lavoratori che impiegano”.
Dal 2015, Princes ha condotto migliaia di ispezioni sul campo nella sua filiera e ha promosso una costante formazione a favore dei coltivatori in tema di gestione del lavoro. Nel 2017, al termine della stagione del pomodoro in Italia, l’81% delle aziende agricole partner di Princes ha conseguito la certificazione Global Gap Grasp o Sa8000. Queste aziende hanno conferito l’87% del pomodoro fresco lavorato da Princes. Per il 2018, Princes si è impegnata a innalzare questi livelli con l’obiettivo di raggiungere il 100%.
Tra i relatori dell’evento, l’Organizzazione internazionale per le Migrazioni, il Commissario per l’immigrazione e il caporalato, recentemente nominato, nonché i rappresentanti delle organizzazioni agricole e del governo britannico. “La presenza di lavoratori migranti nel settore agro-alimentare – ha commentato Federico Soda dell’International organization for Migration – è cresciuta molto negli ultimi anni; così come è aumentata la consapevolezza sulle condizioni di lavoro. È necessario e urgente sostenere una filiera del lavoro che rispetti e promuova gli standard etici: si tratta di un percorso lungo ma che è importante intraprendere proprio come già sta facendo Princes”.
Princes Industrie Alimentari (Pia) ha ospitato in Italia eventi in tema etico sin dal 2013; questi appuntamenti riuniscono gli stakeholder della filiera e sottolineano l’importanza del rispetto delle regole a fornitori diretti e ai rappresentanti dei coltivatori. Princes è impegnata a svolgere un ruolo di primo piano nella promozione del rispetto delle norme e nel miglioramento dell’etica lungo tutta la filiera del pomodoro e prevede di proseguire nell’organizzazione di questi eventi su base annuale.
Fonte: Ufficio stampa Princes Industrie Alimentari

Lascia un commento

Che genere di mondo stiamo preparando per i nostri pronipoti? What sort of world can we prepare for our great grandchildren? (da "Human Rights, Rationality, and Sentimentality", in Truth and Progress: Philosophical Papers, Volume 3, 1998).

Richard Rorty

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.