San Giovanni Rotondo. "Patto Maggioranza per il rilancio amministrativo"

0
6

San Giovanni Rotondo, 5 giugno 2018. “Non si tratta di un documento del rilancio, caso mai del riscoprire le ragioni di una coalizione, premiata dal voto popolare nel giugno del 2016. Non stiamo insieme per tenerci strette poltrone e prebende, ma per onorare un impegno preso con serietà e senso del dovere. Non siamo portavoce di voti di scambio, come qualcuno ha fatto intendere in modo sconclusionato e calunnioso. L’unica cosa che siamo in grado di scambiare è il nostro impegno e le nostre volontà per il bene di San Giovanni Rotondo», così commenta il sindaco Costanzo Cascavilla il documento programmatico alla base della ritrovata armonia tra i vari partiti che sostengono la sua amministrazione.
La sottoscrizione del documento è un rinnovato impegno dei partiti a raggiungere gli obiettivi prefissati, senza tradire la fiducia popolare e nel pieno rispetto di un programma amministrativo che punta allo sviluppo della città e alla soluzione di questioni che si trascinano da tempo, come le osservazioni al PUG o la pubblica illuminazione.
Nello specifico l’accordo prevede una serie di punti programmatici che riguardano la riorganizzazione della macchina amministrativa, secondo quanto previsto dalla D.G. n.3/2017, a cui deve affiancarsi il nuovo regolamento della Polizia locale e l’accordo con i comuni di San Marco in lamis e Rignano Garganico per l’utilizzo in forma comune del servizio di polizia locale. Alla questione personale sarà affiancato il nuovo capitolato dei parcheggi in zona urbana e quello della nettezza urbana, così come si darà corso al progetto di mitigazione dal rischio idrogeologico e al piano di edilizia scolastica. S’interverrà anche con il piano del traffico e con la manutenzione stradale, inglobando anche la sistemazione della circumvallazione. Priorità amministrativa sarà data anche al completamento delle opere urbane e alla sistemazione delle aree verdi, mentre in collaborazione con la Regione Puglia, si darà compimento all’iter amministrativo per il recupero e fruizione della struttura di Agropolis. Infine, si procederà con l’attivazione del DUC (Distretto Unico del Commercio) per avviare una fase di rilancio delle attività commerciali e turistiche della città.
Il programma amministrativo sarà attuato anche passando da una riordinamento della struttura gestionale che affianca il sindaco, in modo da aggiungere maggiori competenze e qualificarne l’azione, incidendo con più efficacia nel rilancio della città.
«Vogliamo rendere pubblico i termini dell’accordo perché non abbiamo bisogno di nasconderci dietro giochi di palazzo e intrighi del potere. Illustreremo ai cittadini i punti più importanti del rilancio amministrativo che nasce da una sola esigenza: lavorare per l’interesse della città, assumendoci tutte le responsabilità, ma soprattutto mettendoci la faccia. La sottoscrizione del documento non è un patto tra partiti, ma un vincolo verso i sangiovannesi, a cui chiediamo di essere giudicati alla fine del mandato amministrativo*», conclude il sindaco Cascavilla.

Rispondi