A nu strunze(le)

Sì llu pennacchje de na guardja vècchje,
llu funne rutte de na moscja rècchje.
Sì lla purcarije d’a tabbacchire,
carne avanzéte de tutt’i vuccire.
Sì nzèrta d’agghje appes’a cemenere,
tejèlla nèrje de na panettore.
Si llu funne lurde d’a nzalatire,
ruffjéne e mbrusatore de mestire.
Si lla zocchele de lli fugnature,
de na bbuttighja rotte u feleture.
Sì nu ruuagne chjune de lla notte,
nu merduse, e ppure nu chéca sotte.
Sì nu bbedone chjune de mennèzze,
de stu pajese lla mègghja schefèzze.
Sì ll’ulteme bbettone d’a vrachètte,
de ll’acqua sporche ll’uneca trummètte.
Sì na cosche sènza ca fé llu bbotte,
fite cchjù ppègge de na vèrza cotte.
Sì pure affertunéte, cule rutte,
e a freché lli ggènde chjù de tutte.
Sì velenuse cum’e na malaque,
e tine lla facce de ll’ova scjaque.
Sì propete nu strunze, e te llu diche,
da lla chèpe a lli pide, e nd’u vulliche.

Pascalonia
Ad un stronzo
Sei il pennacchio della vecchia guardia/il fondo rotto di un orecchio moscio./ Sei la porcheria della tabacchiera,/ carne avanzata di tutti i macellai./Sei una inserta d’agli appesa al camino,/ tegame nero di una panificatrice./ Sei il fondo sporco di una insalatiera,/ruffiano ed imbroglione di mestiere./ Sei il topaccio della fognatura,/ il tappo di una bottiglia rotta./Sei il cantaro pieno nella notte,/un merdoso e pure un caca sotto./Sei un bidone pieno di immondizia,/di questo paese la migliore schifezza./ Sei l’ultimo bottone delle brache,/ (per la raccolta) dell’acqua sporca l’unica trombetta (per la chiama)./ Sei una scorreggia senza uscire il botto,/ puzzi peggio di una verza cotta./Sei pure fortunato, culo rotto,/a fregare la gente più di tutti./Sei velenoso come una medusa,/hai il viso delle uova guaste./Sei proprio uno stronzo, e te lo dico,/dalla testa ai piedi, fino all’ombelico.
Libero rifacimento di una cantilena di fine Ottocento

2 commenti su “A nu strunze(le)”

  1. Bella rispolverata…. a quanto pare anche in tempi remoti galleggiavano certi soggetti……, oggi sono molto ma molto più strunze…..

    Rispondi

Lascia un commento